Valutare i rischi nel trading online

Per chi inizia a fare trading online, la considerazione del rischio è fondamentale ad una sana attività di questo tipo. Accanto alla convinzione che il trading può far ottenere guadagni interessanti, si dovrebbe sempre tenere bene a mente anche che l’attività di trading possa non essere sempre remunerativa come abbiamo immaginato, anche in concomitanza di rischi effettivi che riguardano questo genere di operazioni. Se non si opera con delle strategie, se non si tiene conto di tutti i pericoli annidati nell’attività del trading, è molto probabile che si  perdano i propri soldi.

Conoscere i rischi è un primo passo necessario alla presa di coscienza che il trading online è una opportunità qualora la si sappia cogliere, ma che può anche diventare uno strumento poco semplice da gestire. I rischi che possiamo correre con l’attività di trading sono di natura selettiva rispetto alla piattaforma con la quale andremo ad operare. Uno dei pericoli, quando si inizia a fare trading on line, riguarda la scelta del broker al quale affidare i nostri risparmi. Se l’intermediario che ci permette di fare trading è sbagliato, non regolamentato, i rischi di insuccesso e, peggio ancora, di essere truffati, aumentano.

Rischi nel trading onlinePer scegliere il broker giusto è necessario farsi una “cultura” prima ancora di operare, di affidarsi ad un broker. Sapere cosa sia il trading e cosa vuol dire praticamente investire i propri soldi, conoscere gli asset che possiamo sfruttare sono le prime necessarie avvertenze da tenere a mente.

È importante, a questo proposito, curare la propria formazione, reperire quante più informazioni possiamo, e sapere bene – nel dettaglio – come funzionano i mercati, conoscerne le dinamiche e scegliere gli strumenti, gli asset con i quali si opererà, anche nel loro meccanismo intrinseco. La scelta del broker è assolutamente prioritaria e dovrebbe partire da una prima verifica che esso sia opportunamente regolamentato dalla CONSOB, e che sia in grado di offrire assistenza e supporto in lingua Italiana.

Le due tipologie di trading online più conosciute e più praticate sono il Forex e le opzioni binarie.

Il Forex consiste nella compravendita di valute monetarie. Tanto per fare un esempio banale: acquisto un dollaro e lo rivendo in euro quando il cambio è più favorevole, ottenendo da questa transazione un guadagno, ricavato proprio da quella differenza di prezzo.

Il secondo, le opzioni binarie, consiste in una predizione che riguarda la possibilità che una opzione chiuda a rialzo oppure a ribasso. Si tratta, in questo caso, di scommettere su un “trend” – o andamento – di un certo titolo che potrà essere a ribasso o a rialzo a breve, medio o lungo termine.

In tutti e due i casi, seppure i meccanismi siano semplici e poco macchinosi, non si dovrebbe abbassare la guardia e credere che la semplicità sia sinonimo di vincita, profitto economico. Non basta certamente disporre di un capitale, iscriversi ad una piattaforma, scegliere un asset e puntare per vincere. Non è così immediato e chi fa questo, rischia grosso.

La consapevolezza del rischio, la valutazione delle proprie risorse e conoscenze sono necessarie affinché prima di investire ci si possa dotare degli skills opportuni a condurre delle operazioni dal buon esito.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.