Università online: chi le sceglie, perchè e cosa si aspetta da loro

La nuova frontiera dell’educazione superiore reggerà il confronto con le istituzioni tradizionali?

In Europa per università telematica si intende un istituto di istruzione superiore di livello universitario che è abilitato in base alla legge dello stato in cui opera, a rilasciare titoli accademici di valore legale, con modalità a distanza basata sulle nuove tecnologie telematiche. Ovviamente questa nuova modalità educativa ha potuto vedere la luce grazie all’uso su larga scala di internet, infatti le università telematiche prevedono lezioni online e in presenza, il tutto a scelta dello studente, anche se gli esami di profitto, le sedute di laurea e gli esami di master e corsi post laurea vari si svolgono obbligatoriamente nelle sedi delle università.

Università onlineSpinte dal successo di questo metodo molte università statali tradizionali, come l’Università la Sapienza di Roma, si stanno dotando di un ”modello e-learnig”. Se entriamo nel dettaglio il successo è tangibile, infatti questo tipo di istituzione universitaria è passata dai 1.500 studenti nell’anno accademico 2004/2005, ai quasi 40.000 iscritti in corso nel 2011/2012.

Università online italiane riconosciute

In questo momento nel nostro Paese esistono undici strutture autorizzate dal Miur (Ministero dell’Università e della Ricerca) e il 27 settembre 2013 il ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza ha firmato il decreto sulla programmazione triennale 2013-2015 delle università in cui è contenuto il divieto di aprire nuovi atenei telematici, ma anche atenei statali tradizionali e dunque il numero di atenei telematici italiani è destinato a restare tale.

Le università telematiche riconosciute dal MIUR sono: Università Telematica “LEONARDO da VINCI”, Università Telematica “E-CAMPUS”, Università Telematica “GIUSTINO FORTUNATO”, Università Telematica GUGLIELMO MARCONI, Università Telematica San Raffaele Roma, Università Telematica Internazionale UNINETTUNO, Università Telematica “ITALIAN UNIVERSITY LINE”, Università Telematica PEGASO, Università Telematica UNITELMA SAPIENZA, UNICUSANO Università degli Studi Niccolò Cusano e Università Telematica “Universitas MERCATORUM”.

Chi sceglie questo tipo di formazione?

Chi sono i 39.792 studenti che hanno intrapreso questo percorso formativo? Due studenti su tre sono uomini che appartengono alla fascia di età degli over 30, infatti un tipo di formazione decentrato come quello telematico è studiato appositamente per gli studenti-lavoratori, persone già inserite in un determinato settore professionale e per questa ragione impossibilitate a garantire una frequenza assidua come potrebbe essere quella richiesta nelle università tradizionali.

Gli studenti under 22 costituiscono appena l’8,5%, uno su quattro appartiene alla fascia di età media 23/30, il 29% appartiene alla fascia 30/40 anni, mentre coloro che superano i 40 anni rappresentano il 37% del totale degli iscritti.

Quali sono le facoltà più scelte?

Se si guarda alla tipologia di lauree scelte da coloro che preferiscono questo tipo di formazione quasi quattro su cinque, scelgono l’area sociale che comprende: comunicazione, cooperazione e sviluppo, difesa e sicurezza, diritto, economia, gestione aziendale, scienze dell’amministrazione, psicologia, scienze politiche e relazioni internazionali, scienze del servizio sociale, sociologia, turismo.

Il restante quinto sceglie l’area scientifica e l’area umanistica mentre l’’ambito sanitario rimane del tutto escluso.

Quali sono i vantaggi di questo tipo di università?

Il sistema di apprendimento basato sull’ e-learning nel nostro Paese desta ancora incertezze e diffidenze, mentre invece all’estero gode di maggiore fiducia e numerosi attestati di stima.

Questo tipo di diffidenza è forse dovuto al fatto che le università telematiche in Italia compaiono soltanto in questo ultimo decennio mentre in Europa sono una realtà già dagli anni ‘70.

Se si superano però i pregiudizi si possono vedere i grandi vantaggi che la teleuniversità fornisce: si può usufruire di una didattica “on demand” con la quale adattare lo studio alle proprie esigenze e ai ritmi quotidiani ottimizzando così il tempo dedicato all’apprendimento, basta una connessione internet per garantire l’apprendimento costante e la burocrazia è nettamente più snella perchè anche le segreterie sono on-line.